• modules/mod_lv_enhanced_image_slider/images/Imm_HP/Foto_2.JPG

PRIVACY POLICY

Sito Polizia Locale di Fabrica di Roma

Dichiarazione sulla tutela dei dati

La presente dichiarazione sulla tutela dei dati vi da una visuale sul trattamento dei vostri dati presso il sito istituzionale della Polizia Locale di Fabrica di Roma http://www.polizialocalefabricadiroma.it (di seguito Sito). Essa vale per tutti i siti web, app e altri servizi e prestazioni offerti dal Sito.

 

Titolare del trattamento

Tutela della privacy

Il V. Commissario Stefano Pacelli responsabile della Polizia Locale di Fabrica di Roma con sede in Piazza Duomo 18 – Fabrica di Roma (VT), è il Titolare e Responsabile del trattamento dei dati personali raccolti su questo sito ai sensi e per gli effetti del Regolamento UE 679/2016 (GDPR)

Conformemente all'impegno e alla cura che il Sito dedica alla tutela dei dati personali, ti informiamo sulle modalità, finalità e ambito di comunicazione e diffusione dei tuoi dati personali e sui tuoi diritti, in conformità all'art. 13 del GDPR.

 

Quali dati raccogliamo?

Quando usi i nostri servizi, accetti che la nostra azienda raccolga alcuni tuoi dati personali.

Questa pagina ha lo scopo di dirti quali dati raccogliamo, perché e come li usiamo.

Trattiamo due tipi di dati:

  • dati forniti dall’utente
  • dati che raccogliamo automaticamente

Dati forniti dall’utente

Se sei un privato

Se sei un privato, quando compili il form Contatti, chiediamo di fornirci alcuni dati che servono per poter usufruire del nostro servizio.

Questi sono, ad esempio, i dati che ti chiediamo:

  • email, nome, cognome,

Dati di terzi

Se fornisci dati personali di terzi, come ad esempio quelli dei tuoi familiari o amici, devi essere sicuro che questi soggetti siano stati adeguatamente informati e abbiano acconsentito al relativo trattamento nelle modalità descritte dalla presente informativa.

Dati di minori di anni 16

Se hai meno di 16 anni non puoi fornirci alcun dato personale né puoi registrarti al servizio newsletter, ed in ogni caso non assumiamo responsabilità per eventuali dichiarazioni mendaci da te fornite. Qualora ci accorgessimo dell’esistenza di dichiarazioni non veritiere procederemo con la cancellazione immediata di ogni dato personale acquisito.

 

Dati che raccogliamo automaticamente

Raccogliamo i seguenti dati mediante i servizi che utilizzi:

  • dati tecnici: ad esempio indirizzo IP, tipo di browser, informazioni sul tuo computer, dati relativi alla posizione attuale (approssimativa) dello strumento che stai utilizzando;
  • dati raccolti utilizzando i cookie o tecnologie similari: per ulteriori informazioni, ti invitiamo a visitare la sezione “Cookie”;
  • dati raccolti utilizzando il pixel di Facebook o Atlas nel sito Web per misurare le conversioni pubblicitarie o eseguire il retargeting con le inserzioni su Facebook: per ulteriori informazioni ti invitiamo a visitare la pagina “Informazioni sul pixel di Facebook

 

Comunicazioni, contenuti di colloqui

Se comunicate con noi telefonicamente, per posta, tramite servizi di social media, moduli di contatto o in altro modo in merito ai nostri prodotti, non rileviamo il contenuto delle vostre comunicazioni.

 

Dati di apparecchio e accesso

Durante la fruizione di servizi online e mobili è inevitabile che si formino dati tecnici e che essi vengano trattati per poter mettere a disposizione le funzioni e visualizzare i contenuti offerti sul vostro apparecchio. Noi definiamo tal categoria di dati "dati di apparecchio e accesso". I dati di apparecchio e accesso si formano durante ogni uso di un servizio online e mobile. Non fa differenza chi sia l’offerente di tale servizio. Dati di apparecchio e accesso si formano durante l’uso di:

  • siti web;
  • app;
  • newsletter email (vale a dire quando la vostra interazione newsletter viene rilevata);
  • servizi basati sull’ubicazione.

I dati di apparecchio e accesso comprendono le seguenti categorie:

  • informazioni generali sull’apparecchio, come dati sul tipo di apparecchio, sulla versione di sistema operativo, sulle impostazioni della configurazione (p. es. impostazione della lingua, autorizzazioni di sistema), sulle impostazioni della connessione internet (p. es. nome della rete di telefonia mobile, velocità della connessione) e sulle app impiegate (p. es. nome e versione dell’app.)
  • dati di identificazione (ID), come ID di sessione, cookie-ID, numeri di serie univoci degli apparecchi (p. es. ID pubblicitario di Google, Apple Ad-ID), ID di conti di offerenti terzi (per quanto voi utilizziate social plug-in o social-login o il pagamento tramite PayPal) e altre comuni tecnologie internet, per poter riconoscere il vostro webbrowser, il vostro apparecchio o una determinata installazione di app.
  • dati di accesso che app e browser web trasmettono automaticamente a ogni accesso online su server web e banche dati (nell'ambito del cosiddetto HTTP-request). Si tratta di informazioni standardizzate riguardo i contenuti richiesti (p. es. nomi e tipo di file di un file richiamato) come anche ulteriori informazioni sull’accesso al server (come p. es. quantità di dati trasmessa e codici anomalia), sul vostro apparecchio (come p. es. tipo dell’apparecchio, sistema operativo, versioni software, identificazioni dell’apparecchio, indirizzo IP, la pagina visitata precedentemente e l’orario dell’accesso).

A che scopo il Sito usa i miei dati?

Il Sito tratta i vostri dati nel rispetto di tutte le leggi applicabili della tutela dei dati. Ciò facendo ci atteniamo ovviamente ai principi del diritto della tutela dei dati per il trattamento di dati personali. Quindi per principio trattiamo i vostri dati solo agli scopi spiegati nella presente dichiarazione sul trattamento dei dati e dichiarati al momento del loro rilevamento. Questi sono in prima linea lo svolgimento dell’acquisto e la messa disposizione, personalizzazione e sviluppo come anche la sicurezza del nostro servizio. Oltre a ciò utilizziamo i vostri dati nell'ambito delle rigorose norme tedesche e comunitarie del diritto alla tutela dei dati ma anche per altri scopi, come lo sviluppo di prodotti, la ricerca scientifica (in particolare nei settori dell’apprendimento automatico, dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento profondo) e la ricerca di mercato per l’ottimizzazione di processi commerciali, l’impostazione adeguata alla necessità dei nostri servizi come anche la pubblicità personalizzata.

 

Quali diritti di tutela dei dati ho?

Ai rispettivi presupposti legali avete i seguenti diritti legali di tutela dei dati: diritto di informativa (articolo 15 DSGVO), diritto di cancellazione (articolo 17 DSGVO), diritto alla correzione (articolo 16 DSGVO), diritto di limitazione della diffusione (articolo 18 DSGVO), diritto alla trasferibilità dei dati (articolo 20 DSGVO), diritto di ricorso presso un ente pubblico di tutela dei dati (articolo 77 DSGVO), diritto di revoca di consensi (articolo 7 capoverso 3 DSGVO) come anche il diritto di opposizione contro determinate misure di diffusione dei dati (articolo 21 DSGVO). Per le vostre istanze contattate Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Quando vengono cancellati i miei dati?

Memorizziamo i vostri dati personali fintanto che sono necessari agli scopi della presente dichiarazione sul trattamento dei dati, in particolare per l’adempimento dei nostri obblighi legali e contrattuali. All’occorrenza memorizzeremo i vostri dati personali anche per altri scopi, se e fintanto che la legge ci permette l’ulteriore memorizzazione per determinati scopi, compresa la difesa da richieste giuridiche.

 

Esercizio dei tuoi diritti

Qualsiasi persona fisica che utilizzi il nostro servizio può ai sensi di quanto stabilito dagli articoli da 15 a 23 del regolamento UE 2016/679:

  • Ottenere dal titolare, in ogni momento, informazioni circa l’esistenza dei propri dati personali, l’origine degli stessi, le finalità e le modalità di trattamento e, qualora presenti, di ottenere l’accesso ai dati personali ed alle informazioni di cui all’articolo 15 del GDPR.
  • Richiedere l’aggiornamento, la rettifica, l’integrazione, la cancellazione, la limitazione del trattamento dei dati nel caso ricorra una delle condizioni previste all’articolo 18 del GDPR, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati personali, trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti e/o successivamente trattati.
  • Opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta ed al trattamento dei dati personali previsti ai fini di informazione commerciale o di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta ovvero per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale. Ogni utente ha altresì il diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare le liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.
  • Ricevere i propri dati personali, forniti consapevolmente ed attivamente o attraverso la fruizione del servizio, in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico, e di trasmetterli ad un altro titolare del trattamento senza impedimenti.
  • Proporre reclamo presso l’Autorità Garante per la protezione dei dati personali in Italia.

Ti ricordiamo che per qualsiasi domanda o richiesta relativa ai tuoi dati personali e al rispetto della tua privacy puoi scrivere all’indirizzo dedicato Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Come protegge i miei dati?

I dati sono raccolti dal "titolare e responsabile del trattamento", secondo le indicazioni della normativa di riferimento, con particolare riguardo alle misure di sicurezza previste dal GDPR (art. 32) per il loro trattamento mediante strumenti informatici, manuali ed automatizzati e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate in questa Privacy Policy e comunque in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati stessi.

L’informativa sulla privacy può subire modifiche nel tempo?

La presente informativa potrebbe essere soggetta a modifiche. Qualora vengano apportate sostanziali modifiche all’utilizzo dei dati relativi all’utente da parte del Titolare, quest’ultimo avviserà l’utente pubblicandole con la massima evidenza sulle proprie pagine o tramite mezzi alternativi o similari.

In questa pagina troverete tutte le notizie riguardanti gli oggetti rinvenuti dalla Polizia Locale del Comune di Fabrica di Roma o portati da terzi presso il nostro Comando.

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.polizialocalefabricadiroma.it (“Sito”) di proprietà della Polizia Locale del Comune di Fabrica di Roma, Piazza Duomo 18 – 01034 Fabrica di Roma (VT).

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali:

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)



Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.

Pubblichiamo l’Ordinanza n. 81/2010 inerente l’Abbandono incontrollato di rifiuti al di fuori degli appositi contenitori e relativa Sanzione Amm. Pecuniaria.

ORDINANZA N. 81/2010

 

Storia della Polizia Locale

 

 

 

 

In un Paese dalla storia unitaria relativamente breve come il nostro, non è difficile credere che le forme di Polizia che hanno esercitato i loro compiti nelle realtà locali, con varie forme ed in varia natura, affondino le radici in una tradizione profonda quanto variegata. Per poterne tracciare una storia che abbia un senso cronologico ed una sua unità, è necessario quindi armonizzare la storia della singole realtà locali, cercando di estrapolarne le esperienze comuni.

 

 

L’EPOCA DEI ROMANI

 

Le prime forme organizzate di Polizia Urbana si possono far risalire addirittura all’epoca dei romani. Nel 29 d.c., infatti, l’Imperatore Cesare Augusto istituì due distinti organi di vigilanza, o Cohortes, uno dei quali doveva mantenere l’ordine durante le ore notturne (C. Vigilum), l’altro doveva difendere le mura della città dagli attacchi esterni. La cosa interessante è che queste Cohortes non erano formate da militari, ma estrinsecavano le loro funzioni solo esclusivamente all’interno della città e nell’interesse della stessa, a tutela del rispetto dell’ordine pubblico e delle regole del vivere civile.   Il loro Comandante, denominato Praefectus Vigilum, oltre che coordinare gli uomini, esercitava anche funzioni giurisdizionali. Questi corpi vennero sciolti in seguito da Costantino, intorno al 312 d.C.

 

 

DAL FEUDALISMO ALLE “GUARDIE MUNICIPALI”

 

Ovviamente durante il feudalesimo, a partire quindi dal IX secolo, anche le forme di Polizia erano strettamente legate alla realtà locale, e rispondevano direttamente al feudatario, attraverso una gerarchia piramidale. Si trattava in questo caso di un organismo a metà tra la milizia vera e propria e la Guardia, incaricata di far rispettare la volontà del Signore e talvolta di sovrintendere alla riscossione dei tributi.

 

Da allora, per ritrovare forme di Polizia Locale, si deve fare un bel salto in avanti, fino al 1852 a Pisa in cui si trovano le prime tracce di una Polizia Locale nel Granducato di Toscana, al 1853, in cui viene fondato a Genova il Corpo della Guardie Municipali, ed al 1861, quando nascono a Torino i primi Drappelli di Guardie Municipali, anche se a dire il vero, tracce di precedenti forme similari  ma non ancora ufficiali possono essere rintracciate anche prima. E’ il caso dei “Civich” della stessa Torino, nel 1360, o del “Collegio dei Signori della notte”, fondato dalla Repubblica di Venezia nel 1274, un organo di vigilanza notturna deputato alla repressione della criminalità e della prostituzione direttamente legato all’Amministrazione della città.

 

 

LA DENOMINAZIONE DI “VIGILE URBANO”

 

Dalla fine dell’ 800 in poi, comunque, si diffonde alle varie latitudini il ricorso alle “Guardie Comunali”, dipendenti dai Sindaci ed inquadrate in Regolamenti Comunali. Sono  diversamente organizzate a seconda della realtà locale, e  talora vengono demandati loro compiti anche diversi da quelli a cui siamo abituati a pensare. In diverse città, infatti, i Corpi di Guardie sono fuse con quelli dei Pompieri, come a Genova o a Verona, mentre in realtà di tipo diverso assumono il ruolo di Guardie Campestri, per tutelare le proprietà agrarie dai furti e contrastare il bracconaggio. Soltanto nei primi anni del 1900 si hanno le prime testimonianze della denominazione di “Vigile Urbano”, un termine che gli stessi operatori usano con orgoglio perché considerato più rispondente ai propri compiti ed al proprio ruolo istituzionale.

Dal punto di vista legislativo, in un paese che sta appena costituendosi in Nazione intorno al Piemonte, è data ampia libertà ai Comuni di emanare regolamenti per regolare il funzionamento dei propri Corpi di Guardie Municipali. Già a partire dalle leggi di Pubblica Sicurezza emanate dal Regno di Sardegna nel 1859 in poi, però, ci sono le prime attribuzioni di funzioni di Pubblica Sicurezza alle Guardie Municipali (Art. 133 L. 13.11.1859 n. 3720). Nello stesso periodo (1860), a Bologna, il Minghetti proponeva un progetto per la trasformazione delle Guardie municipali sul modello dei Bobbies inglesi. Altri accenni, più o meno indiretti, a questa prerogativa comunale si trovano nel regolamento d’esecuzione della legge comunale e provinciale del 1889 (Regio Decreto N. 5921), che vieta ai Comuni l’adozione di divise e distintivi simili a quelli dei corpi armati dello Stato e nel T.U della legge comunale e provinciale del 1934, che ne rende obbligatoria la dotazione organica.



Anche se per avere una vera e propria legge interamente dedicata alla Polizia Municipale bisognerà aspettare ancora molti anni, fino al 1986, andando a spulciare nelle attività ministeriali si può notare che fin da tempi assai remoti si è registrato un certo interesse nei confronti delle Polizie Locali, viste, un po’ come succede ai giorni nostri, come una potenziale risposta alla voglia di sicurezza da parte della cittadinanza, a fronte di una carenza di personale dello Stato.
Sarà Crispi, presidente del Consiglio e ministro dell’Interno, che, nel quadro dei suoi progetti di legge volti a riformare praticamente tutta l’amministrazione, nel 1887 presenterà un disegno di legge che parla delle Guardie Municipali. Questo prevederebbe la formazione di Corpi nelle principali città in cui fondere i servizi di Pubblica Sicurezza e Polizia Urbana. Si tratterebbe di presidi dello Stadio in cui confluirebbero gli agenti delle Guardie di Pubblica Sicurezza (che si scioglierebbero) e che lavorerebbero di concerto con i Carabinieri. Crispi giustifica la necessità del cambiamento con l’osservazione che fino a quel momento le Polizie Municipali hanno contribuito poco in termini di sicurezza. Alla proposta si oppongono fermamente le Amministrazioni Comunali, che invece vogliono continuare a gestire le rispettive Guardie Comunali, e non vogliono quindi vedersi limitare la propria autonomia. Viene istituita quindi una Commissione che giudica anche i modelli esistenti negli altri Paesi, e boccia la proposta di Crispi. 
Dopo qualche mese, Crispi propone un nuovo disegno di legge col quale più semplicemente si dà facoltà ai singoli Comuni di chiedere che la Polizia Municipale sia affidata alle proprie Guardie Civiche, forma con la quale la legge stessa passerà al Senato.

 

LA COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA

 

Nel momento della stesura della  Costituzione della Repubblica Italiana, la Polizia Locale trova poi un suo spazio, laddove l’art. 117  demanda alle Regioni la disciplina della polizia urbana e rurale.

In generale, si può dire che l’ambito della Polizia Municipale è uno di quelli in cui, attraverso i decenni, l’autonomia dei Comuni ha resistito di più ai tentativi di ingerenza dello Stato Centrale, tanto che per trovare una vera Legge Quadro Nazionale dobbiamo attendere il 1986, con la L. 7 marzo 1986 n. 65, peraltro accompagnata da Leggi Regionali di Attuazione.

Ad oggi le normative regionali per ricomprendere le Polizie Municipali hanno adottato il termine Polizia Locale.

 

 

 

 

Leggi anche:

Storia della Polizia Locale di Fabrica di Roma

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy